• 18/05/2024

Contratti di lavoro in Piemonte in aumento

 Contratti di lavoro in Piemonte in aumento

6.680 le entrate previste a livello di quadrante secondo l’indagine Excelsior, 620 contratti in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

Saranno 6.680 i contratti programmati dalle imprese delle province di Biella, Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli per settembre 2023, pari al 18% del totale in Piemonte.

Pur con le inevitabili differenze a livello provinciale, è possibile individuare alcuni tratti comuni alle quattro realtà del territorio. Uno di essi è l’alta percentuale, ovunque superiore al 70% sulle entrate previste, di contratti a termine. Inoltre, in tutte le province del quadrante la domanda di occupazione è espressa da un numero relativamente basso di imprese sul totale (percentuale che varia dal 12% per Verbania, al 15% per Vercelli, al 16% per Novara e al 17% per Biella).

I diversi tessuti economici sono poi accomunati dalla difficoltà di reperimento di personale, che si attesta sopra al 45% del totale: Infine, nella maggioranza dei contratti è richiesta un’esperienza professionale specifica o quantomeno nello stesso settore: per entrare nello specifico, Verbania esprime una quota del 53% di richiesta esperienza sul totale entrate, percentuale che sale al 60% a Novara, al 62% a Biella e al 63% a Vercelli.

Nonostante le diverse vocazioni economiche, in linea generale sono i settori dei servizi alle persone, dei servizi di alloggio e ristorazione e del commercio a esprimere una consistente parte della domanda di lavoro nelle quattro province del quadrante.

Queste alcune delle indicazioni che emergono dal Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

Consulta il pdf

Leggi altro sull’economia piemontese

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche