• 21/07/2024

Garbo e Saipem: nuova tecnologia per il riciclo delle plastiche

 Garbo e Saipem: nuova tecnologia per il riciclo delle plastiche

Stabilimento Garbo

Garbo e Saipem insieme per lo sviluppo di una nuova tecnologia per il riciclo delle plastiche. Realizzeranno il primo impianto di riciclo chimico della plastica in Italia

Garbo, azienda chimica italiana e Saipem, hanno sottoscritto un accordo per il supporto all’industrializzazione, lo sviluppo e la commercializzazione a livello globale di una nuova tecnologia per il riciclo delle plastiche.
Si tratta di ChemPET, una tecnologia di depolimerizzazione di cui Garbo è proprietaria, che consente di convertire i rifiuti plastici di polietilene tereftalato, comunemente noto come PET, in nuovo PET di alta qualità e, quindi, di alto valore per l’industria chimica e alimentare.
L’accordo prevede, inoltre, la collaborazione tra Saipem e Garbo per la realizzazione su scala industriale del primo impianto di riciclo chimico della plastica in Italia, localizzato a Cerano in provincia di Novara.
ChemPET si basa su una tecnologia a riciclo chimico che, a differenza di quello meccanico, permette di riciclare tipologie di plastica per cui oggi non esistono soluzioni alternative (come, ad esempio, le plastiche colorate) e produce materiale di maggiore qualità che, a differenza del processo meccanico, non perde le proprie proprietà man mano che si ricicla. ChemPET, inoltre, consente una maggiore semplicità del processo e della gestione di sottoprodotti e non prevede l’utilizzo di sostanze infiammabili o pericolose. Rappresenta, dunque, una soluzione alla crescita di domanda prevista per il riciclo di materiali plastici e di PET in particolare, anche alla luce di normative sempre più stringenti. Oggi il PET è, infatti, utilizzato principalmente per la produzione di bottiglie e packaging.
Fabrizio Botta, Chief Commercial Officer di Saipem, ha commentato: “Questo accordo è in linea con la strategia Saipem nei segmenti industriali low carbon e ci consente di arricchire il nostro portafoglio di tecnologie e soluzioni disponibili per l’economia circolare e la chimica sostenibile”.
Guido Fragiacomo, CEO di Garbo (link), ha dichiarato: “Questo accordo permette a ChemPET di consolidare la leadership tecnologica in ambito crPET tramite l’immediata industrializzazione delle 2 unità da 22,5 kTA di Cerano ed il licensing della tecnologia su scala globale”.

Garbo, viene fondata a Cerano (Novara) nel 1997 con il nome di Garbo Servizi S.r.l.. L’azienda sin da subito diventa pioniere nel recupero di carburo di silicio e glicole polietilenico, prodotti usati nelle miscele abrasive per il taglio dei wafer di silicio impiegati nella produzione di semiconduttori o pannelli fotovoltaici. Nel 1999, Garbo Servizi S.r.l. Installa il primo impianto pilota per il recupero della miscela abrasiva presso un importante produttore di wafer di silicio a Novara, in Italia. Nel novembre 2000, l’idea che nel 1997 aveva portato alla fondazione di Garbo Servizi S.r.l. viene realizzata su scala industriale. Garbo Servizi S.r.l. firma un accordo di joint-venture con una società tedesca di progettazione macchine per trattamenti chimici: nasce la SiC Processing GmbH. In un mondo che deve fare i conti con il crescente rischio di esaurimento delle risorse, le materie prime rinnovabili svolgono un ruolo primario. La tecnologia di recupero di Garbo Servizi S.r.l. si dimostra all’altezza della sfida e la sua tecnologia viene replicata in diverse località in tutto il mondo. Apertura del primo stabilimento in Germania. Apertura dei primi stabilimenti della SiC Processing GmbH in Cina, Norvegia e negli Stati Uniti. Si chiude la joint-venture con il partner tedesco, ma la partita è ancora aperta. Garbo Servizi S.r.l. si trasforma: mentre SiC Processing continua l’attività tradizionale di recupero abrasivi e sospendenti dagli slurries, nasce Garbo S.r.l., che prosegue la sua missione nello sviluppo di altre tecnologie altamente innovative per la rigenerazione di materiali, fino ad approdare al recupero delle materie plastiche in PET. Garbo S.r.l. si ingrandisce ancora una volta grazie all’acquisizione di PPT Abrasives, introducendo fra i suoi materiali anche la polvere di diamante. Tenendo un occhio sempre aperto sul passato, ma l’altro fisso sul futuro, Garbo S.r.l. continua la sua ricerca di soluzioni originali nella individuazione di nuovi processi tecnologici che permettono di fornire il mercato con prodotti unici o distintivi.

Da Garbo ufficio stampa

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche