• 26/01/2023

Previsioni occupazionali: 23.070 assunzioni previste dalle imprese piemontesi per dicembre 2022

 Previsioni occupazionali: 23.070 assunzioni previste dalle imprese piemontesi per dicembre 2022

 

Resta elevata la difficoltà di reperimento che riguarda il 45% del personale ricercato, un valore di circa 14 punti superiore rispetto al periodo pre-covid (dicembre 2019)

 

Sono 23.070 i lavoratori ricercati dalle imprese piemontesi per il mese di dicembre 2022 e 86.470 per l’intero trimestre dicembre 2022 – febbraio 2023.

 

Rispetto a un anno fa si registra una flessione delle previsioni di assunzione, in conseguenza del rallentamento dell’economia causato dalla guerra in Ucraina, dalla crisi energetica, dalla crescita dell’inflazione e dal costo del denaro. Le previsioni delle imprese segnano una diminuzione consistente: a livello mensile, le assunzioni previste a dicembre 2022 perdono 6.420 unità rispetto a quelle di dicembre 2021. A livello trimestrale il calo appare ancora più intenso, le entrate programmate per il periodo dicembre 2022- febbraio 2023 risultano inferiori di 24.430 unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Se il confronto, invece, viene effettuato col periodo pre-pandemico (dicembre 2019-febbraio 2020), si rilevano 1.370 entrate in più a livello mensile e 10.740 in più nel trimestre.

In Italia le previsioni di assunzioni per dicembre 2022 ammontano a circa 329mila. 102mila assunzioni sono previste dalle imprese del Nord ovest, a cui seguono le imprese del Nord est (83mila, area che manifesta la maggiore difficoltà di reperimento pari al 50,3%), le imprese del Sud e isole (80mila) e le imprese del Centro (64mila).

Questi sono alcuni dei dati, contenuti nel Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato mensilmente da Unioncamere e ANPAL.

 

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

L’80% delle entrate delle aziende piemontesi riguarderà lavoratori dipendenti, il 13% lavoratori somministrati (in netta diminuzione rispetto al mese precedente quando pesava il 21%), il 2,4% collaboratori e il 4,7% altri lavoratori non alle dipendenze.

La domanda di lavoro è trainata dai contratti a tempo determinato con il 59% delle entrate programmate (erano il 62% a novembre 2022), seguiti da quelli a tempo

indeterminato con il 27% dei casi e dai contratti di apprendistato con il 9%. Pesano, infine, il 4% gli altri contratti.

Entrate previste dalle imprese a dicembre 2022 per livello di istruzione*

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior 2022

Delle 23.070 entrate previste in Piemonte nel mese di dicembre 2022, il 16% è costituito da laureati, il 28% da diplomati, le qualifiche professionali e l’assenza di un titolo specifico pesano rispettivamente il 21% e il 34%.

A livello settoriale sono sempre i servizi a formare la fetta più consistente della domanda di lavoro con 16.410 entrate, il 71% del totale (4.560 unità in meno rispetto a quanto previsto a dicembre 2021). L’industria prevede 6.660 entrate, generando circa il 29% della domanda totale del mese e segnando un calo di 1.860 entrate rispetto a dicembre 2021. Nel dettaglio 5.000 entrate riguarderanno il comparto manifatturiero e 1.660 quello edile.

Entrate previste dalle imprese nel mese di dicembre 2022 per settore

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior 2022

 

Entrate previste dalle imprese a dicembre 2022 per dettaglio settoriale

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

Tra i servizi si rileva un forte interessamento del commercio, 11.340 entrate previste nel trimestre in esame, pari al 13% delle 86.470 entrate complessive del periodo dicembre 2022 – febbraio 2023, dei servizi alle persone (10.860 entrate) e dei servizi di alloggio e ristorazione/servizi turistici con 9.490 assunzioni (11% del totale).

Delle entrate previste a dicembre 2022 in Piemonte, il 28% sarà destinata a professioni commerciali e dei servizi, il 21% a dirigenti, specialisti e tecnici. Gli operai specializzati e conduttori di impianti genereranno il 29% delle entrate e solo l’8% sarà rappresentato da impiegati. I profili generici produrranno il 14% delle assunzioni del mese.

Entrate previste dalle imprese a dicembre 2022 per tipo di profilo

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

 

Per una quota pari al 36% le assunzioni interesseranno giovani con meno di 30 anni; percentuale che sale al 49,8% per l’area commerciale e della vendita e scende al 25,6% per l’area amministrativa.

Per il 62% delle entrate viene, inoltre, richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore; il 23% delle entrate applicherà soluzioni creative e innovative e il 14% dovrà coordinare altre persone.

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

A livello di area di aziendale il peso maggiore è dato dalla produzione beni ed erogazione servizio (42,4%), seguita dall’area commerciale e vendita (19,0%) e da quella tecnica e di progettazione (14,5%), che – come nei mesi precedenti – riscontra la maggior difficoltà di reperimento delle figure richieste (58,3%). L’area della logistica pesa il 13,7%, mentre l’area amministrativa e l’area direzionale generano una quota rispettivamente pari al 5,0% e 5,4% delle assunzioni previste.

A novembre in 45 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati, dato in lieve diminuzione rispetto al mese precedente (47) e analogo alla media nazionale di dicembre (45). La mancanza di candidati è la motivazione prevalentemente segnalata dalle imprese (29%), seguita dall’inadeguata preparazione dei candidati (12%).

Piemonte economy - Previsioni occupazionali

Fonte: Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

Tra i profili più difficili da reperire in regione a dicembre 2022 si segnalano: Dirigenti e Direttori (l’80% è di difficile reperimento), Medici e altri specialisti della salute, per i quali la difficoltà di reperimento è del 79%, Farmacisti, biologi e altri specialisti delle scienze della vita (si trova difficoltà nel 78% dei casi), Operatori della cura estetica (270 figure ricercate con difficoltà nel 73% dei casi), Operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, con 220 figure ricercate nel mese e un grado di difficoltà del 69% e Operai nelle attività metalmeccaniche richiesti in altri settori, con una difficoltà di reperimento pari al 69% e circa 1.060 figure ricercate.

Piemonte Economy

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

Leggi anche