• 21/07/2024

Sostenibilità e risparmio energetico nell’industria vinicola

 Sostenibilità e risparmio energetico nell’industria vinicola

I vini preparano gli animi e li rendono aperti agli ardori – diceva il poeta romano Ovidio. Questo spirito dell’azienda Toso si coglie già nell’esperienza di Vincenzo Toso, bisnonno degli attuali titolari, che nel 1910 trasferì la sua azienda dall’astigiano, terra vocata al vigneto Barbera, a Santo Stefano Belbo. a Cuneo. in una zona dove le montagne erano invece vestite di filari di Moscato. Ed è in questi luoghi che attecchirà definitivamente l’azienda di famiglia.

Vincenzo è stato seguito dal figlio Pietro e poi dai due figli Luigi e Vincenzo, che hanno proseguito il cammino familiare, ogni volta arricchito di nuove e valide idee. A poco a poco il Moscato d’Asti e l’Asti Spumante sono diventati i veri protagonisti della produzione di Casa Toso.

Nel 1993 l’azienda si trasferisce definitivamente nell’attuale sede di Cossano Belbo, a pochi chilometri di distanza. Questo è stato un passo decisivo nella costruzione di un’azienda radicata nella tradizione e allo stesso tempo proiettata al futuro, che oggi è gestita dalla quarta generazione della famiglia insieme ai due fratelli Gianfranco e Pietro e al cugino Massimo.

L’amore della famiglia Toso per il Moscato si è conservato nei secoli e si riflette ancora oggi nella costante attenzione dell’azienda alle potenzialità produttive di quel vitigno, con una particolare predilezione per il Moscato d’Asti e l’Asti Spumante, dai dolci ai dolci innovativi. oltre a prodotti originali, come il nuovissimo Asti Secco, che ha debuttato sul mercato a fine 2017, nato dalla volontà di provare le uve Moscato anche per spumanti secchi. La stessa passione per i vitigni aromatici della regione è evidente nella produzione del Brachetto.

Oltre ad un’ampia selezione di spumanti, Casa Toso (link) offre oggi un’ampia selezione di vini locali, tra cui Dolcetto, Barbera e Nebbiolo. A cui si aggiunge: Gamondi Vermouth di Torino Superiore, marchio storico e prestigioso che, grazie a Toso, diventa il moderno paladino della tradizione più autentica del Vermouth di Torino e autorevole interprete delle materie prime piemontesi e della conoscenza locale delle erbe aromatiche , spezie e il loro uso per aromatizzare, tramandato nei secoli. E infine la Toccasana di Teodoro Negro, un originale liquore delle Langhe a base di 37 erbe diverse, che affascina per l’abbondanza di profumi e la moderata gradazione alcolica, ma anche per la storia che continua ancora oggi con il discendente dell’inventore. L’azienda Toso continua la tradizione.

piemonte economy - Sostenibilità e risparmio energetico nell’industria vinicola
Gianfranco Toso

Gianfranco Toso, Amministratore Delegato Toso Spa.

Pianificate azioni strategiche e operative per l’innovazione?

Crediamo da sempre che l’innovazione sia una leva strategica importante per la produzione e in generale per la gestione dell’azienda. E’ nostra abitudine destinare investimenti continui per implementare le tecnologie e i software più moderni per rendere la produzione quanto più efficiente. Negli ultimi anni, gli incentivi per lo sviluppo 4.0 alle imprese ci hanno stimolato ancor di più a proseguire su questa strada.

In quale modo gestite le tecnologie per l’innovazione?

La gestione delle tecnologie avviene in maniera diversa a seconda delle tipologie di applicazione e operatività. Ad esempio, abbiamo un software che ci fornisce indicazioni precise sugli eccessi di consumo energetico e su come risparmiare; la gestione contabile avviene attraverso una piattaforma ad hoc e ogni singola macchina del processo produttivo è gestita con un software dedicato.

 Siete attenti al risparmio energetico?

Il magazzino è stato completamente automatizzato con navette robot, permettendo di stoccare la merce in unico magazzino presso la sede di produzione, diminuendo ulteriormente anche l’utilizzo dei mezzi gommati. Se in origine gli investimenti volti a soluzioni ecosostenibili rispondevano in primis ad una volontà etica di ridurre il nostro impatto sull’ambiente, oggi queste scelte si sono tradotte in un vantaggio economico tangibile: mi riferisco in particolar modo all’impianto fotovoltaico, che in un momento di gravi rincari energetici, ci ha permesso un considerevole risparmio.

 

Leggi altri articoli: in Primo Piano – Dalle imprese piemontesi

Giorgio Nadali

Giornalista, formatore, coach, scrittore

ADV

Leggi anche